Suono.it
username: password:
registrati  -  perché registrarsi

password dimenticata?
iscriviti alla newsletter:
L'EDICOLA
SUONO Musica 01
Gregg Kofi Brown - Together As One
SHOPPING: ALL'EVIDENZA
Gruppo Corale Montefiore - Luci Serali

€ 18,00

in dettaglio
Uto Ughi - I Filarmonici di Roma

€ 47,00

in dettaglio
Alice Pelle - Camera

€ 8,00

in dettaglio
Suono.it  >  Musica  >  Recensioni  >  Recensione
Steve Lacy & Mal Waldron
LET'S CALL THIS .... ESTEEM

Jazz - Generica
Silta Records

Recensito su Suono n° 430 del 7-2009
Davvero preziosa. Questa la prima considerazione che si può fare sull’operazione della Silta Records che ripropone su CD un lavoro del magnifico duo Steve Lacy/Mal Waldron registrato in occasione di un concerto tenuto ad Oxford nel 1993. Già inciso a suo tempo dalla Slam, il lavoro ritorna ora a disposizione di chi voglia godersi le dieci tracce qui presenti a ricordare quella serata al Playhouse Theatre. Già abituati ad incrociare i loro strumenti in diverse occasioni, dotati di una comune (non comune…) sensibilità musicale ed artistica che ne ha contraddistinto i percorsi paralleli (entrambi sono scomparsi negli ultimi anni), uniti da comuni passioni come quella per la musica di Monk, Lacy e Waldron li ritroviamo a distanza di sedici anni da quel ’93 sul palco a suonare in magico interplay alcuni cavalli di battaglia come Monk’s Dream o Epistrophy, ma anche cose meno solite per loro come In a Sentimental Mood o Johnny Come Lately. Ed al di là della solita magnifica interpretazione che Steve Lacy sa dare della musica del grande Thelonious (cui è rimasto fedele per tutta la vita) sono proprio altre interpretazioni (come quella del classico di Ellington) a dare un'apertura ancora maggiore alla visuale artistica di questi musicisti, capaci di riempire gli spazi con i suoni scarni ma iper-comunicativi dei loro strumenti: Lacy ed il suo soprano sempre in prima linea, emozionale come nelle migliori occasioni; Waldron sapiente nella creazione di una base melodica e ritmica che crei le giuste situazioni, salvo poi venire fuori nel modo più naturale ed efficace a disegnare altri aspetti della stessa trama, con il suo stile profondo e percussivo. Poco da aggiungere nelle parole, molto da ascoltare in questa registrazione che ci restituisce pienamente la magia di una serata introdotta con emozione da Lol Coxhill, altro maestro del soprano.

Sergio Spada
Voto artistico: 8.5
Voto tecnico: 7.5